Economia circolare, percorsi per la piccola industria

Un progetto per accrescere la consapevolezza delle imprese sulle opportunità̀ competitive legate alla gestione sostenibile ed ispirata ai principi della economia circolare delle proprie attività̀, dei prodotti offerti al mercato e della propria filiera.

Formazione
24 ago 2020
-
Tempo di lettura: 5 min
Sostenibilità Ambientale 1110

OBIETTIVI DEL PERCORSO 

Il progetto mira a sviluppare una serie di azioni mirate ad accrescere la consapevolezza e le competenze delle imprese sulle opportunità̀ competitive legate alla gestione sostenibile ed ispirata ai principi della “economia circolare” delle proprie attività̀, dei prodotti offerti al mercato e della propria filiera.

Il progetto si strutturerà nelle seguenti fasi di attività: 

FASE 1: Formazione sulle tematiche relative all’economia circolare

FASE 2: Quanto è “circolare” la tua impresa? Check-up sul livello di attuazione in azienda dei principi-guida della “Circular Economy” e sulle opportunità da cogliere

 

FASE 1 - FORMAZIONE SULLE TEMATICHE RELATIVE ALL’ECONOMIA CIRCOLARE

Il primo step si svolgerà attraverso la realizzazione di 2 ore di formazione presso ogni azienda richiedente,

mirate ad approfondire i temi e gli strumenti e approcci più innovativi a disposizione delle imprese sul tema dell’economia circolare. 

La formazione sarà volta a fornire indicazioni operative sulle modalità di adozione di strumenti e di applicazione delle soluzioni più efficaci per migliorare la circolarità delle imprese.

Nell’ambito di questa prima fase del progetto potranno essere erogati, a seconda delle esigenze dell’azienda, uno a scelta tra i tre seguenti contenuti tematici:

 

BLOCCO DIDATTICO A) 

Scenario e inquadramento su principi-base, quadro normativo e approcci operativi alla circular economy per le piccole imprese

  • L’Economia Circolare come nuova prospettiva anche per le piccole imprese;
  • Il Pacchetto sull’Economia Circolare della Commissione Europea e i riflessi per la piccola industria;
  • L’economia circolare nella legislazione nazionale: dal Decreto “Green Economy” alle più recenti misure per le aziende italiane.
  • Il concetto di “circolarità” per i processi aziendali e per i processi produttivi della piccola industria;
  • Esempi di strumenti e soluzioni operative “tagliati su misura” per le piccole dimensioni aziendali.

 

BLOCCO DIDATTICO B) 

Strumenti e soluzioni operative per l’economia circolare: casi-studio e best practice relative alle piccole imprese

  • L’Economia Circolare dal punto di vista delle piccole aziende: modalità per attuarla e vantaggi conseguibili;
  • Come “mappare” le opportunità inesplorate di economia circolare all’interno dell’azienda;
  • Esempi pratici di progetti aziendali di economia circolare attuati da piccole imprese e vantaggi economici e competitivi da essi scaturiti.

 

DOCENZA

Ergo srl - la formazione sarà tenuta da docenti universitari con esperienza applicativa e conoscenza delle dinamiche aziendali relative allo sviluppo di strumenti e soluzioni per l’economia circolare.

 

FASE 2 - QUANTO È “CIRCOLARE” LA TUA IMPRESA? 

Applicazione e testing del check-up tool e realizzazione di attività di accompagnamento, per identificare e proporre soluzioni di Economia Circolare “tagliate su misura” per le piccole imprese.

Il percorso progettuale proseguirà con una seconda fase che mira ad avvicinare le aziende alla conoscenza delle possibili linee di azione e soluzioni operative per perseguire l’“economia circolare” a livello aziendale.

L’attività di questa seconda fase si svolgerà attraverso un supporto operativo che si concretizzerà nell’applicazione di un tool finalizzato a misurare e a cogliere le opportunità per aumentare il livello di “circolarità” dei processi produttivi e delle attività svolte sul proprio sito (con riferimento anche alle caratteristiche più rilevanti dei propri prodotti o servizi), quindi, a identificare le connesse opportunità di risparmi di costi ed efficienza più interessanti.

L‘attività sarà strutturata attraverso l’effettuazione di check-up presso la sede e gli impianti produttivi (o le aree operative) delle imprese, finalizzato ad identificare le criticità e gli elementi importanti ai fini della Economia Circolare. Gli elementi raccolti saranno sintetizzati in una scheda sintetica di check-up che descriverà i punti di forza e i punti di debolezza dell’azienda sul piano strategico nella prospettiva dell’economia circolare.

Il risultato del check-up sperimentale sarà costituito da un rapporto personalizzato per ciascuna azienda, in cui saranno evidenziate e descritte le opzioni a disposizione emergenti dall’attività. 

Verranno quindi presentate le opzioni mirate a sviluppare soluzioni operative in grado di migliorare le prestazioni in chiave di “economia circolare”. Le opzioni emergeranno dalle opportunità identificate e verranno presentate alle aziende nel corso di incontri faccia a faccia.

Di seguito a titolo di esempio, alcune opzioni che potrebbero emergere dal checkup sui processi produttivi e sul sito aziendale:

  • Ottimizzazione degli scarti nel processo produttivo ed eventuali possibilità di recupero all’interno del processo stesso
  • Identificazione di possibili destinazioni a recupero o a riciclaggio degli scarti prodotti nei processi produttivi
  • Riduzione degli imballaggi delle materie prime o dei prodotti semilavorati acquistati dall’azienda
  • Chiusura del ciclo idrico o opzioni di risparmio nel consumo di acqua per usi produttivi
  • Modifiche e miglioramenti ai propri prodotti o servizi per aumentare il livello di circolarità.
I tuoi riferimenti per la formazione aziendale
Torna ai commenti
Lascia un commento